HomeProptechFintechLa tigre baltica dei quattro unicorni.

La tigre baltica dei quattro unicorni.

Da repubblica sovietica a leader europeo nella digitalizzazione, l'Estonia ha compiuto un balzo economico spettacolare.

Ashton Kutcher e un tavolo da ping-pong benvenuto Lyft99, il centro per start-up de Tallin. La stella di Holywood "È l'investitore più famoso di Veriff, una delle società tecnologiche che ha già lasciato il centro e vola da solo". Kärt Rääbis, la community manager Lyft99, spiega la presenza di spicco dell'attore nordamericano, con quell'immagine a grandezza naturale accanto all'albo d'onore delle aziende che hanno iniziato qui e sono riuscite: PipeDriveComoduleTransferwiseBolt, Veriff stesso ... Un simbolo della vocazione globale di Estonia, un minuscolo paese baltico con solo 1,3 milioni di abitanti che è diventato un punto di riferimento mondiale nel settore tecnologico.

Da bravo informatico, Jose Ernesto Suarez Non avevo idea di chi fosse Ashton Kutcher, ma il successo digitale dell'Estonia li ha uniti. Suárez ha lasciato un buon lavoro un anno fa e il suo Mediterraneo València stabilirsi a Tallinn e realizzare il suo sogno di avviare un'impresa. “Stavamo per restare Barcellona, ma il prezzo della casa ci ha fermato, qui invece trovi appartamenti a 500 euro al mese ”, spiega. Di fronte a Wedoops, una società di infrastrutture cloud, Suárez apprezza le strutture che l'Estonia offre agli imprenditori: “In 18 ore abbiamo incorporato l'azienda, tutto online. Nel Spagna Non hai ancora iniziato e ti chiedono già, ma qui non si pagano le tasse fino a quando il fatturato non raggiunge i 40.000 euro ”. "Quella spinta all'inizio aiuta molto", ammette.

Da una repubblica sovietica a leader nella digitalizzazione in Europa, la trasformazione dell'Estonia è stata radicale. “È un miracolo”, riassume l'uomo d'affari finlandese Juha Rantanen. "Che un'economia ai suoi tempi così dipendente dai sussidi dell'URSS sia riuscita a reinventarsi e fare quel salto è una pietra miliare", sottolinea.

Membro del Unione Europea e della NATO Dal 2004, l'Estonia è considerata una tigre del Baltico, come Lituania Lettonia, per la sua rapida crescita dall'indipendenza del URSS, nel 1991. Con un PIL pro capite di 20.840 euro lo scorso anno, uno dei più alti dell'Europa orientale, mantiene un bilancio in pareggio e un debito pubblico trascurabile, pari all'8,4% del PIL. Dal 2011 fa parte della zona euro.

Solo i matrimoni, i divorzi o l'acquisto di un appartamento richiedono la presenza fisica: il resto delle procedure è online

La collaborazione pubblico-privato e il deciso impegno dell'amministrazione sono stati fondamentali in questa trasformazione verso una delle aziende elettroniche più avanzate al mondo, come è stato verificato da un gruppo di imprenditori del Fundació d'Empresaris de Catalunya (FemCAT) che hanno visitato l'Estonia per vedere in prima persona il modello economico estone. Una trasformazione che ha creato l'ambiente necessario per la nascita di non meno di quattro unicorni (start-up tecnologie del valore di oltre $ 1.000 miliardo): Skype, un gigante ora nelle mani di MicrosoftPlaytech (dedicato al gioco), Bolt (in precedenza Taxify, società di servizi di mobilità urbana) e Transferwise (trasferimenti di valuta, ora con sede a Londra).

Tutto è iniziato nel 1991, l'anno dell'indipendenza dell'Estonia dall'Unione Sovietica. "Ereditiamo il caos assoluto", ammette Linnar viik, fondatore del Accademia di e-governance e uno degli artefici di questo impegno per il digitale. "Abbiamo dovuto ricominciare da capo, e in un paese piccolo come il nostro e senza risorse naturali, e ovviamente senza soldi per grandi investimenti, abbiamo deciso che l'unica cosa che potevamo permetterci era acquistare computer e connetterci a Internet", ricorda. Il Paese è partito da una situazione davvero precaria, poiché meno della metà della popolazione aveva un telefono fisso e la rete era di qualità molto bassa, quindi si è deciso di promuovere anche l'uso dei cellulari.

Questo grande impegno estone per la tecnologia si è concretizzato nel 2001, quando è stata presa la decisione di digitalizzare l'intera amministrazione. Un anno prima il governo aveva dichiarato l'accesso a Internet un diritto universale, dal 2002 le principali aree urbane dispongono di Wi-Fi gratuito e nel 2005 si sono tenute le prime elezioni con voto elettronico. Oggi il 98% dei cittadini processa le proprie tasse online ed effettua più del 99% delle transazioni bancarie online.

Essere il primo paese digitale al mondo ha molti vantaggi, soprattutto visti dalla Spagna del "torna domani" e le code da finestra a finestra. Tutte le procedure amministrative vengono svolte qui online, in un sistema basato sulla trasparenza e la fiducia tra Stato e cittadini. "La presenza fisica è richiesta solo per tre procedure con l'Amministrazione: sposarsi, divorziare o firmare una transazione immobiliare", spiega Tpregiudizio Koch, direttore dell'acquisizione aziendale e-Estonia Briefing Center. I cittadini usano la loro identità digitale, una sorta di DNI, per svolgere il resto delle procedure, anche se lo Stato "non li obbliga, si limita a fornire i mezzi affinché tutti possano usarli". L'idea è che "chi vuole può continuare a sbrigare i propri documenti, ma saranno anche digitalizzati in seguito", spiega Koch.

Le diverse aree dell'Amministrazione sono interconnesse attraverso il sistema X-Strada, in corso da 2001, che garantisce il solo una volta (solo una volta), secondo la quale lo Stato può rivendicare i dati personali di un cittadino una sola volta. Non più andare da un luogo all'altro alla ricerca di certificati da un dipartimento che rivendica un'altra area della stessa amministrazione. In questo modo, ad esempio, la nascita di un bambino viene automaticamente registrata, allo stesso modo viene attivato il sistema di sostegno parentale e al bambino viene già assegnato un asilo nido. Allo stesso modo, i pazienti possono recarsi direttamente in una farmacia con la loro identità digitale per acquistare i farmaci prescritti senza dover portare con sé una ricetta cartacea e i medici possono avere online la storia di un paziente appena entrato in ospedale. Anche la giustizia è digitalizzata, i genitori possono consultare i voti dei loro figli e parlare online con gli insegnanti e in Consiglio dei ministri non c'è carta. Le loro decisioni vengono pubblicate online nei verbali al termine della riunione. Secondo i loro calcoli, la digitalizzazione dello Stato rappresenta un risparmio del 2% del PIL.
Come si distingue Elena Massot, presidente di FemCAT, il grande vantaggio del sistema implementato in Estonia è che "pone il cittadino e le imprese al centro di tutte le decisioni dell'Amministrazione".

Marten kaevats, il consigliere del primo ministro per gli affari digitali, nega categoricamente che il programma e-Estonia violi la privacy dei cittadini. "Non siamo un Grande FratelloQui non esiste un server centrale che controlli tutte le informazioni, ma il sistema consente la condivisione delle informazioni ”, sottolinea. In ogni caso, ogni volta che un ente statale accede ai dati di un cittadino, ne lascia una traccia, in modo che possa sempre sapere chi e per quale motivo ha consultato le sue informazioni. L'accesso ingiustificato è considerato un crimine.

Dall'altro grande timore, la sicurezza in uno stato completamente digitalizzato, l'Estonia ha superato la sua grande prova nel 2007, quando ha subito un presumibile attacco informatico russo (sebbene Cremlino negato) dopo aver rimosso dal centro di Tallinn un monumento ai soldati sovietici caduti durante la seconda guerra mondiale. È stata una crisi grave, ma è stata finalmente superata, e da allora l'Estonia è anche un punto di riferimento nella sicurezza informatica: dal 2008 Tallinn ospita il Centro di eccellenza per la cooperazione nella difesa informatica di  NATO.

Più di 62.000 residenti digitali

Dal 2014 l'Estonia offre agli imprenditori di tutto il mondo la possibilità di stabilire la propria attività nel Paese come porta d'accesso all'Unione Europea, e utilizzare la sua avanzata infrastruttura digitale per gestirla dall'estero. Finora, più di 62.000 persone si sono registrate come residenti digitali, la maggior parte nella vicina Finlandia, Russia, Ucraina, Germania e Stati Uniti, sebbene circa 1.600 si siano registrate anche in Spagna. Il sistema ti permette di ottenere un'identità digitale, ma non ti conferisce la cittadinanza né ti esonera dalla necessità del visto. L'obiettivo è attrarre talenti e far sì che i nuovi residenti contribuiscano alla crescita. Il Paese offre un sistema fiscale competitivo, con un'unica imposta sul reddito del 20%, IVA del 20% e contributi sociali del 33%. L'imposta sulle società è compresa tra il 14% e il 20%, ma non viene pagata se i profitti non vengono distribuiti.

 

banner 400x400 ich 1 icrowdhouse

I più popolari

Soluzioni per locali senza inquilini.

Facciamo un esempio pratico. Si scopre che i miei locali commerciali di 400 m2 a López de Hoyos de Madrid ...
crowdfunding crowdhouse 5

Dovresti leggere

crowdfunding crowdhouse 3